L’importanza dell’omega 3 in gravidanza, nell’allattamento e durante tutta la vita

Il consumo di omega 3 DHA è raccomandato per tutta la vita, dai bambini agli adulti, con una dieta varia, sana ed equilibrata.

COS’È OMEGA 3 DHA?

L’acido docosaesaenoico o DHA è un acido grasso polinsaturo a lunga catena appartenente alla famiglia degli omega 3. 
Gli acidi grassi omega 3 a catena lunga DHA ed EPA sono naturalmente presenti nel pesce e nei frutti di mare e il loro consumo è utile a mantenere il cuore in salute.

Inoltre, l’omega 3 DHA può trovarsi nel corpo umano nelle membrane delle cellule cerebrali (neuroni) e della retina (fotorecettori) dove contribuisce al corretto funzionamento di questi due organi.

OMEGA 3 DHA E LO SVILUPPO DEL CERVELLO

Durante la gravidanza, ma soprattutto dal terzo trimestre cioè quando si verifica la più grande crescita di tessuto nervoso, il feto accumula grandi quantità di omega 3 DHA nel cervello. La madre è responsabile nel fornire, attraverso la placenta, l’omega 3 DHA al bambino e questa fornitura deriva dalla dieta della madre ma anche dalle proprie riserve di DHA che vengono immagazzinate per garantire il contributo di questo nutriente al feto.

Durante l’allattamento continua lo sviluppo del cervello e l’accumulo di DHA che il bambino riceve dopo la nascita dal latte materno.

Esistono studi scientifici in cui gli effetti sullo sviluppo neurologico dei bambini sono stati confrontati con la somministrazione di diete ricche di DHA rispetto ad altre con diete povere di questo acido grasso. I risultati sembrano indicare l’importanza del DHA per lo sviluppo del sistema nervoso centrale, sebbene siano necessari ulteriori studi su neonati e bambini per confermare questi risultati.

Negli adulti è scientificamente provato che l’omega 3 DHA aiuta il cervello a funzionare correttamente e il suo consumo è fortemente raccomandato per mantenerlo in salute.

OMEGA 3 DHA E LO SVILUPPO DELLA VISTA

Per il corretto sviluppo e funzionamento della vista, il consumo di DHA è importante per tutta la vita. 
La retina, come altri tessuti cerebrali, ha un contenuto eccezionalmente alto di omega 3 DHA, specialmente localizzato nei fotorecettori, le cellule responsabili della visione. Come nel tessuto nervoso, la maggior parte degli omega 3 DHA si deposita nella retina dal terzo trimestre di gravidanza e continua durante l’allattamento e la crescita fino all’adolescenza.

Numerosi studi scientifici hanno dimostrato che il contributo del DHA nei bambini, sia del latte materno che delle formule integrate con questo omega 3, contribuisce allo sviluppo ottimale della vista e migliora l’acuità visiva rispetto ai bambini nutriti con formule che non includevano DHA.

Negli adulti, studi scientifici hanno mostrato il ruolo del DHA nella funzione della retina, essendoci una relazione diretta tra il consumo di questo omega 3 e il mantenimento della normale funzione visiva.

CONSUMO DI OMEGA 3 DHA

Il consumo di omega 3 DHA è raccomandato per tutta la vita, dai bambini agli adulti, con una dieta variata, sana ed equilibrata.

L’EFSA (Autorità europea per la sicurezza alimentare) ha raccomandato dai 2 anni fino alla senescenza un’assunzione di EPA e DHA di 250 mg al giorno per prevenire le malattie cardiovascolari e garantire il corretto funzionamento del cervello e della vista.

Inoltre si raccomanda di aggiungere tra 100 e 200 mg al giorno di omega 3 DHA per le donne in gravidanza o che allattano, per garantire il loro contributo al bambino e per compensare le perdite dei depositi della madre. Nei bambini di età compresa tra 6 mesi e un anno, si raccomanda un’assunzione di almeno 100 mg di omega 3 DHA per assicurare il corretto sviluppo della vista.

DOSI CONSIGLIATE DI OMEGA 3 DHA

I pesci e i prodotti del mare sono fonti naturali di omega 3 DHA.

Con un consumo minimo di 3 o 4 porzioni di pesce a settimana per gli adulti e 1-2 porzioni nei bambini fino a 2 anni, garantiamo il fabbisogno di DHA di cui abbiamo bisogno durante la vita e in determinate condizioni fisiologiche come la gravidanza o l’allattamento.

All’interno di una dieta varia e sana si consiglia di consumare tutti i tipi di pesce (bianco, azzurro e crostacei) poiché ciascuno di essi contribuisce in modo diverso a raggiungere il corretto equilibrio nutrizionale.

Condividi in:
FacebookTwitter