Quante volte alla settimana mangiare pesce secondo la piramide alimentare mediterranea

quante volte mangiare pesce alla settimana per la piramide alimentare

La dieta mediterranea è la dieta caratteristica di tutti quei paesi mediterranei come l’Italia e la Spagna. Questo tipo di dieta è sempre stata correlata non solo agli alimenti che vengono consumati, ma per uno stile di vita caratteristico delle popolazioni mediterranee.

La dieta mediterranea è caratterizzata principalmente da un elevato consumo di prodotti di origine vegetale, l’uso di olio d’oliva come principale fonte di grassi, consumo moderato di pesce, crostacei, pollame, latticini e uova; il consumo di piccole quantità di carni rosse e contributi giornalieri di vino consumati generalmente durante i pasti.

La dieta mediterranea trasmette queste raccomandazioni attraverso una piramide alimentare.

Quanto pesce mangiare alla settimana?

Secondo la piramide alimentare mediterranea e secondo le linee guida per una sana alimentazione del Ministero della Salute, è consigliato mangiare pesce almeno 2 o 3 volte a settimana. È suggerito mangiare pesce e altri prodotti ittici sia freschi sia surgelati, preferendo pesci di qualità ad alto valore biologico come i prodotti Pescanova. È anche consigliabile scegliere prodotti ittici con provenienze diverse per trarre vantaggio da livelli soddisfacenti di omega-3 delle diverse varietà.

Le quantità di pesce consigliate per il consumo settimanale variano però in base alle tipologie di pesce. Infatti, prodotti come i calamari devono essere consumati in quantità limitate. Scopri i valori nutrizionali del calamaro.

2 o 3 volte a settimana

È preferibile mangiare 2 o 3 volte a settimana pesci piccoli che si mangiano con la pelle, perché il grasso buono del pesce si trova soprattutto sotto la pelle, come le aringhe. Alte quantità di omega-3 sono presenti anche nei pesci più grassi come il salmone, pesce azzurro, orate e le trote, che è consigliato consumare tra le 2 e le 3 volte a settimana.

1 volta a settimana

È meglio mangiare solo una volta a settimana il pesce conservato come il tonno sott’olio. È consigliato anche limitare a una volta a settimana il consumo di pesci “pelagici”, cioè quelli che assorbono maggiori quantità di metalli pesanti come il metilmercurio: pesce spada, tonno, verdesca, luccio e sgombro reale.

Queste quantità di pesce sono indicazioni generiche valide per la media della popolazione e non tengono conto di patologie o esigenze alimentari specifiche, come il consumo di pesce in gravidanza.

Indicazioni della piramide alimentare mediterranea

La piramide alimentare mediterranea stabilisce le linee guida quotidiane, settimanali e occasionali per avere una dieta sana ed equilibrata. Il cibo che sta nella base è quello che deve essere consumato ogni giorno mentre quello verso l’alto è il cibo che dovrebbe essere consumato occasionalmente.

Vediamo quali sono gli alimenti consigliati all’interno della piramide alimentare mediterranea e con quale frequenza consumarli.

Base della piramide: alimenti ad ogni pasto principale

  • Cereali: 1-2 porzioni per pasto, sotto forma di pane, pasta, riso, couscous o altri. Dovrebbero essere preferibilmente integrali.
  • Verdure: circa 2 porzioni per pasto. Le verdure hanno diversi colori ed è consigliabile consumarne di ogni colore per fornire al nostro organismo la giusta quantità di antiossidanti, vitamine e minerali.
  • Frutta: 1-2 porzioni per pasto.
  • Olio d’oliva: 1-2 porzioni per pasto per condire e cucinare.

Centro della piramide: alimenti per 1 o 2 volte al giorno

  • Spezie, erbe, cipolle e aglio sono un buon modo per aromatizzare e insaporire i piatti e un’ottima strategia per ridurre l’uso di sale. Insieme alle olive, le noci e i semi, che sono fonti di grassi sani, proteine, vitamine, minerali e fibre, si raccomanda il consumo di 1-2 porzioni al giorno.
  • Latticini: preferibilmente sotto forma di yogurt magro e formaggio. Si consiglia un consumo moderato (circa 2 porzioni al giorno).

Parte alta della piramide: alimenti per 1 o 2 volte alla settimana

  • Pesce (2 o più porzioni), ottimo per assimilare proteine e acidi grassi.
  • Carne magra (2 porzioni) e uovo (2-4 porzioni) sono fonti di proteine di origine animale di alta qualità. Questi prodotti condividono il livello della piramide con i legumi, un alimento che contiene proteine vegetali e di cui si consiglia di consumare non meno di 2 porzioni alla settimana.
  • La carne rossa (meno di 2 porzioni) e la carne lavorata (meno di 1 porzione) si trovano nel penultimo gradino della piramide accanto alle patate (meno di 3 porzioni).

All’apice della piramide (sebbene all’interno del consumo settimanale) ci sono i dolci, che dovrebbero essere consumati meno di 2 porzioni alla settimana.

Altre linee guida della piramide alimentare mediterranea

Insieme alle raccomandazioni riguardanti ciascuno dei gruppi alimentari, la piramide alimentare mediterranea incorpora alcuni elementi culturali e di stile di vita:

  • Si raccomanda il consumo moderato di vino rispettando le abitudini.
  • L’idratazione è preferibilmente a base di acqua e infusi a base di erbe.
  • Attività fisica quotidiana, riposo adeguato.
  • Biodiversità e stagionalità. La dieta mediterranea è collegata al consumo di alimenti stagionali, freschi e minimamente trasformati.
  • Prodotti tradizionali, locali e rispettosi dell’ambiente.
  • Arte culinaria

Per ulteriori informazioni clicca QUI.

Condividi in:
FacebookTwitter